Cambio del gestore telefonico: Consumitalia spiega come impugnare e disconoscere i costi di disattivazione

  • Pubblicato in varie
In evidenza Cambio del gestore telefonico: Consumitalia spiega come impugnare e disconoscere i costi di disattivazione

Cambio del gestore telefonico: alcuni utenti si sono rivolti a Consumitalia per impugnare e disconoscere i costi di disattivazione

Quando un utente decide di cambiare operatore di telefonia stipula un contratto con un altro gestore. Quest’ultimo comunicherà al precedente operatore la volontà di recedere dal contratto e richiederà la migrazione del numero telefonico. Pertanto le uniche attività che consentono di “migrare” vengono svolte non dal vecchio operatore, bensì dal nuovo.

Nel caso di passaggio da un operatore telefonico ad uno nuovo e diverso i predetti costi non dovrebbero essere addebitabili, in quanto le attività di disattivazione della linea preesistente coincidono con le attività tecniche poste in essere per l’attivazione della linea presso il nuovo gestore. Pertanto se il costo non è giustificato, lo stesso andrebbe assimilato ad una penale occulta e pertanto la stessa non sarebbe dovuta.

Questi costi devono infatti essere reali e documentati ed è la compagnia telefonica che deve provarne l’esistenza, altrimenti non sono dovuti !! 

Nonostante dal 2007 la Legge Bersani ha vietato l’applicazione di ogni genere di penale, sia quella applicata a seguito della disdetta sia quelle per recesso anticipato, nel caso in cui si decida di cambiare operatore sono però addebitati generici costi da parte delle compagnie telefoniche. Infatti le penali che la Bersani avrebbe abolito sono tornate sotto forma di altre denominazioni: quelle che un tempo si chiamavano penali, oggi si chiamano costi di disattivazione.

Pertanto, nel caso di cambio del gestore e ricezione di una fattura recanti i costi di disattivazione o di migrazione, è opportuno inviare un reclamo scritto: contestando gli importi; chiedendo altresì di giustificare dettagliatamente i costi di disattivazione se e come effettivamente sostenuti (si ricorda che l’AGCOM ha concordato con gli operatori telefonici delle tabelle sui costi applicabili che devono essere chiari, trasparenti e indicati nelle relative CARTE dei SERVIZI di ciascun operatore). Nel caso in cui non vi sia fornito il dettaglio dei costi di disattivazione e/o il vecchio gestore telefonico non vi metta nella condizione di prenderne visione oppure non risponda al Vostro reclamo sarà necessario tutelerare i Vostri diritti nelle sedi ritenute più opportune. L’Autorità Garante delle comunicazioni (AGCOM) e diversi Co.re.com. si sono pronunciati a favore dei consumatori.

Per reclami e segnalazioni, inviate una mail a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure potete recarVi presso le nostre sedi e fare affidamento sulle competenze dei nostri rappresentanti.
Per sapere dove siamo andate sul sitowww.consumitalia.it oppure cliccate sul seguente link:http://www.consumitalia.it/index.php/possibilita/legali-consulenti-e-sedi. I nostri esperti vi offriranno la consulenza in materia e vi aiuteranno con le richieste di rimborso.

www.consumitalia.it

 

Ultima modifica ilMartedì, 24 Gennaio 2017 15:20
Nuvoloso

6°C

Roma

Nuvoloso

Umidità: 91%

Vento: 27.36 km/h